Archivi della categoria: News

La lettera di Monsignor Orofino alla Diocesi di Tursi-Lagonegro

distribuita nel giorno di San Filippo ai Sacerdoti, in occasione della Messa Crsimale

Una graduale ripresa delle Celebrazioni della Messa con il Popolo e delle attività pastorali delle parrocchie sul nostro territorio. È quanto auspica il vescovo di Tursi-Lagonegro, Monsignor Vincenzo Orofino, nella lettera datata 26 maggio 2020 (festa di San Filippo Neri, patrono della Diocesi) e indirizzata al Popolo di Dio, insieme a una grande creatività pastorale, fatta anzitutto di attenzione alle persone più deboli e fragili, quelle che hanno sofferto maggiormente le problematiche dirette e indirette che la pandemia da covid-19 ha provocato anche nella Diocesi di Tursi-Lagonegro.

Occorre riscoprire e ripartire dall’identità di comunità che, mettendo al centro del proprio impegno l’Eucaristia e le persone, dette più volte cuore e soggetto della pastorale, sanno valorizzare i gesti ordinari, le tradizioni e le feste patronali per evangelizzare e donare speranza, nelle forme e modalità possibili e consentite, attuando le indicazioni delle autorità governative e sanitarie, secondo quanto previsto dal Protocollo sottoscritto dalla Conferenza Episcopale Italiana e dal Ministero dell’Interno il 7 maggio 2020.

«Questo tempo – scrive Orofino – ha fatto riscoprire il valore del silenzio e delle relazioni, il calore della casa e il tesoro insostituibile della famiglia, il senso del tempo e l’importanza delle priorità. Noi cristiani siamo stati sollecitati a intensificare il rapporto personale con Dio e a guardare la realtà con gli occhi della fede. Ci siamo resi conto che quello della crisi è stato il tempo della prova, della sofferenza e del deserto ma non della punizione e della disperazione».

L’invito a riprendere vuole essere dunque, nel pensiero del Vescovo, un incoraggiamento a fare tesoro della circostanza vissuta perché si riscopra l’essenziale e si rinnovi l’incontro personale con il Signore che rende bella e preziosa ogni esistenza umana.

La Confessione e la direzione spirituale sono gli altri due gesti raccomandati perché si possa desiderare la santità come misura alta della vita cristiana insieme a guide sicure ed esperte.

Lo sguardo proiettato verso il prossimo anno pastorale lascia già intendere che l’attenzione e la premura della Chiesa diocesana andrà nella direzione della cura, dell’accompagnamento e della riscoperta della soggettività pastorale della famiglia, intesa come chiesa domestica, piccola chiesa per grazia propria, sacramento dell’amore di Dio, votata all’edificazione del Popolo di Dio.

La proposta di riscoprire la centralità della Messa domenicale vuole essere ulteriore passo che aiuti ad accogliere la grazia di una identità che non può essere tralasciata o collocata in secondo piano.

Infine, nel suo scritto, il Vescovo Orofino incoraggia «i Sacerdoti, le Suore, i Ministri straordinari della Comunione o, eccezionalmente e su prudente giudizio del parroco, un componente della famiglia, ad assicurare la possibilità di far giungere la Comunione agli ammalati e a coloro che vivono nella fragilità», alle persone che non possono uscire dalle proprie case per motivi di salute o altro impedimento, paura inclusa.

Tutti sono cari al Signore della vita e della storia, ciascuno lo è anche per il Vescovo, pastore, maestro e guida della comunità credente.

 

don Giovanni Lo Pinto

 

Santa Messa CrismaleTursi, 26 maggio 2020

Pubblicato da Diocesi Tursi-Lagonegro su Martedì 26 maggio 2020


In cammino verso il Tempo del Creato

L'approfondimento della Laudato si' proposto dalla CDAL

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La CDAL avvia le iniziative di approfondimento della Laudato si’ in preparazione del Tempo del creato approfittando di un incontro on line organizzato e reso disponibile dal Movimento Cattolico Mondiale per il Clima (GCCM) in collaborazione con il Movimento dei Focolari.
L’incontro ha per tema “L’attualità scientifica della Laudato si’ al tempo del coronavirus”.
Due le relazioni:
Degrado ambientale e COVID-19 affidata a Stefania Papa dell’Università della Campania “Vanvitelli”
Il sogno (folle) di Francesco: superare la crisi ambientale svolta da Luca Fiorani dell’Istituto Universitario “Sophia”.
Appuntamento per lunedì 25 maggio alle ore 20.45.
L’incontro on line durerà un’ora.

 

Registrati qui per partecipare.

Preghiera Mondiale del 24 maggio 2020 al termine della Settimana Laudato si’

 

 

 

 

 

 

 

“Che tipo di mondo desideriamo trasmettere a coloro che verranno dopo di noi, ai bambini che stanno crescendo?”. Inizia con questa domanda il video messaggio inviato da Papa Francesco alle comunità cattoliche di tutto il mondo per invitarle a partecipare alla “campagna globale” della Settimana Laudato si’ nel quinto anniversario della pubblicazione della lettera enciclica.
La Settimana si è aperta il 16 maggio e si chiuderà domenica 24 con una Preghiera Mondiale.
La Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali ha deciso di unirsi alla preghiera che si terrà alle ore 12 locali. Il testo è messo a disposizione di tutti, perché tutti possiamo unirsi. Non c’è necessità di ritrovarsi in presenza o sul web: ciascuno può farlo nel luogo e nel contesto in cui si trova.
È un primo piccolo, ma significativo passo per rispondere all’appello del Papa, perché “il grido della terra e il grido dei poveri non possono più aspettare”.
La CDAL intende continuare organizzando delle azioni/attività da realizzare nel Tempo del Creato (1 settembre – 4 ottobre 2020), a cominciare dall’approfondimento dell’enciclica.


Documenti, Orientamenti e Comunicazioni per il periodo di pandemia

 

 

 

 

 

 

 

 

Considerando l’eccezionalità del periodo che stiamo vivendo è stata prodotta tanta letteratura di documenti e comunicazioni nelle scorse settimana anche in riferimento alle celebrazioni e alle modalità possibili.
In questa pagina pensiamo di offrire, per chiarezza e completezza, i Decreti, gli Orientamenti e le Comunicazioni a cui fare riferimento per la Diocesi di Tursi-Lagonegro.
Con l’augurio che possa essere tempo di grazia e di misericordia per tutti quello che ci apprestiamo a vivere, vi saluto nel Signore.

don Domenico Buglione, 
Vicario Generale

 

Ultimo aggiornamento: 9 maggio 2020

 

#chiciseparera


VI DOMENICA DI PASQUA – Santa Messa presieduta dal Vescovo Orofino in diretta dalla Cattedrale di Tursi

domenica 17 maggio 2020 - ore 11.00

 

 

 

 

 

 

 

 

Tramite YouTube

 

Tramite Facebook

17 Maggio 2020 – ore 11.00SESTA DOMENICA DI PASQUA Celebrazione della Santa Messapresieduta da S.E. Mons. Vincenzo Orofinoin diretta dalla Cattedrale di Tursi

Pubblicato da Diocesi Tursi-Lagonegro su Domenica 17 maggio 2020

 

Lo Spirito Santo continua a rendere attuali, nella Chiesa e nelle singole comunità, le realtà pasquali. La promessa di Gesù (“non vi lascerò orfani: verrò da voi”) non è solo motivo di fiducia e di consolazione per i discepoli che lo ascoltano e che egli sta per lasciare; è una realtà che si prolunga nella storia: lo Spirito è all’opera nel cuore dei credenti e di ogni uomo di buona volontà, per un cammino di crescita nella via della verità e dell’amore.
Gesù ha promesso alla Chiesa il dono dello Spirito come presenza attualizzante della propria opera ormai compiuta. Tale promessa si realizza in modo tutto particolare nella celebrazione eucaristica. È lo Spirito del Signore risorto che crea la comunione fra tutti i membri dell’assemblea, fra questa e tutte le altre comunità che celebrano la medesima Eucaristia. È lo Spirito di verità che illumina e attualizza la Parola di Dio annunciata ai credenti, la fa penetrare nei loro cuori perché diventi realtà di vita e si traduca in atteggiamenti ispirati all’amore evangelico.
Prossimi ormai alla graduale ripresa delle celebrazioni, nello scrupoloso rispetto di quanto previsto dal Protocollo sottoscritto dalla Conferenza Episcopale Italiana e dal Ministero dell’Interno, siamo giunti all’ultimo appuntamento domenicale in streaming di questo periodo per la Diocesi di Tursi-Lagonegro.

#chiciseparera

Formazione on line proposta dalla Pastorale della Salute

Incontri formativi sull’uso dei Dispositivi di Protezione Individuale e per l'accompagnamento delle famiglie con lutti

L’Ufficio Nazionale di Pastorale della Salute, propone due momenti di formazione per i ministri e gli operatori pastorali. L’intento è quello di essere presenza significativa e responsabile in questo tempo di pandemia. Di seguito riportiamo i dettagli dei due appuntamenti, con la descrizione e i rispettivi programmi.
Per qualunque informazione o chiarimento si può contattare l’Ufficio Diocesano.

 

Lunedì 25 maggio alle ore 15.00 si terrà un corso di formazione online organizzato in collaborazione con l’Ufficio Liturgico Nazionale della CEI e la FNOPI, Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche, per la Comunione eucaristica individuale in Struttura o a domicilio.
La partecipazione è gratuita ma è necessario iscriversi
Iscriviti online


Questo tempo di emergenza sanitaria ha mostrato immagini drammatiche del distacco dalle persone care decedute a causa del coronavirus. Pur sapendo che la realtà della morte è condizione imprescindibile per l’uomo, a questa non siamo mai del tutto pronti e spesso carenti di energie e strumenti per stare accanto a chi vive un lutto.
Il breve corso in tre tappe, che viene proposto, vuole offrirci la possibilità di pensare alla morte e al conseguente lutto per individuare strumenti psicologici e spirituali di accompagnamento nell’elaborazione del proprio vissuto umano e di fede.

15 maggio 2020 ore 15.00
Definizione del tema e contributo della psicologia
Massimo Petrini (teologo, geriatra)
Francesca Alfonsi (psicologa)

22 maggio 2020 ore 15.00
Le parole che avrei potuto dire e quelle che ho sbagliato a dire
Don Mario Cagna (teologo, cappellano)
Giorgia Gollo (psicologa)
Iscriviti online

29 maggio 2020 ore 15.00
La morte nella Bibbia e l’approccio pastorale
Don Claudio Doglio (teologo, biblista)
Don Paolo Bonini (teologo, assistente spirituale)
Iscriviti online

Sarà possibile seguire gli incontri attraverso Youtube con la possibilità di porre domande scritte attraverso la chat.

La partecipazione è gratuita ma è necessario iscriversi

V DOMENICA DI PASQUA – Santa Messa presieduta dal Vescovo Orofino in diretta dalla Cattedrale di Tursi

domenica 10 maggio 2020 - ore 11.00

 

 

 

 

 

 

 

 

Tramite YouTube

 

Tramite Facebook

Pubblicato da Diocesi Tursi-Lagonegro su Domenica 10 maggio 2020

 

Gesù risorto è presente in mezzo ai suoi come via, verità e vita: via che conduce al Padre unendoci al suo sacrificio offerto per amore del Padre e dei fratelli; verità che si fa conoscere e penetra sempre più profondamente nei nostri cuori attraverso la parola proclamata e ascoltata nella fede; vita donata nella partecipazione alla mensa eucaristica. Celebrare l’Eucaristia diventa allora entrare davvero – per Cristo, con Cristo e in Cristo – nella comunione di vita con il Padre; essere nel Padre come Gesù.
Compatta in questa comunione, l’Assemblea liturgica si presenta al tempo stesso come una comunità articolata e strutturata in varietà di funzioni e ministeri: non soltanto il servizio della presidenza, ma anche il servizio dei lettori, dei ministranti, il servizio dell’accoglienza e della carità, il servizio dei cantori…, sono tutti veri ministeri liturgici a servizio di una piena e attiva partecipazione di tutto il popolo di Dio al mistero di Cristo. Infatti «le azioni liturgiche non sono azioni private, ma celebrazioni della Chiesa che è “sacramento di unità”…; i singoli membri poi vi sono interessati in diverso modo, secondo la diversità degli stati, degli uffici e dell’attuale partecipazione» (Sacrosanctum Concilium, 26).

 

#chiciseparera

IV DOMENICA DI PASQUA – Santa Messa presieduta dal Vescovo Orofino in diretta dalla Cattedrale di Tursi

domenica 3 maggio 2020 - ore 11.00

 

 

 

 

 

 

 

 

Tramite YouTube

 

Tramite Facebook

3 Maggio 2020 – ore 11.00QUARTA DOMENICA DI PASQUA Celebrazione della Santa Messapresieduta da S.E. Mons. Vincenzo Orofinoin diretta dalla Cattedrale di Tursi

Pubblicato da Diocesi Tursi-Lagonegro su Domenica 3 maggio 2020

 

Gesù si presenta come il pastore secondo il cuore di Dio, quello annunciato dai profeti. Egli conosce intimamente il Padre e trasmette questa conoscenza ai suoi. Per questo egli è la «porta», il mediatore. Egli conosce intimamente la nostra condizione, perché come «agnello» ha portato i peccati di noi tutti. Egli guida i suoi con l’autorità di chi ama e ha dato la sua vita; ed essi, nella fede, ascoltano la sua voce e lo seguono.

 

#chiciseparera

La Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni

Si celebra domenica 3 maggio 2020, nella Domenica del Buon Pastore

 

 

 

 

 

 

 

In occasione della Giornata Mondiale di preghiera per le Vocazioni, l’ufficio di pastorale vocazionale in collaborazione con l’ufficio per le comunicazioni sociali, la pastorale familiare, della salute e delle cerimonie liturgiche, ha preparato un momento di preghiera per le Vocazioni attraverso un video. È stato approntato anche un file (in allegato) per seguire il video dalla pagina di Facebook o dal Sito della Diocesi.
L’invito rivolto, supportati da questo strumento, è quello di ritagliarsi un po’ di tempo come famiglie, come giovani in discernimento, come comunità a pregare perché si diffonda, secondo la dinamica dello Spirito, una mentalità vocazionale sempre più matura.

Clicca qui per il File Mp3 della Veglia Vocazionale

 

Inoltre domenica 3 maggio alle ore 21.00, tramite la pagina di Facebook della Diocesi, possiamo pregare il rosario vocazionale.

Scarica qui l’immagine della GMPV2020 con il suo commentoil poster con la preghiera e la veglia proposta al Convegno Nazionale e una proposta per la celebrazione eucaristica della IV domenica di Pasqua.


III DOMENICA DI PASQUA – Santa Messa presieduta dal Vescovo Orofino in diretta dalla Cattedrale di Tursi

domenica 26 aprile 2020 - ore 11.00

 

 

 

 

 

 

 

 

Tramite YouTube

 

Tramite Facebook

26 aprile 2020 – ore 11.00TERZA DOMENICA DI PASQUA Celebrazione della Santa Messapresieduta da S.E. Mons. Vincenzo Orofinoin diretta dalla Cattedrale di Tursi

Pubblicato da Diocesi Tursi-Lagonegro su Domenica 26 aprile 2020

 

L’Eucaristia, ci dice il Concilio, è «vertice e fonte di tutta la vita cristiana». La comunità cristiana non è un gruppo riunito attorno a un interesse umanitario, a un ideale filantropico, a un codice morale. È costituita attorno a una persona: Cristo risorto, forza unificatrice e propulsiva della comunità. Come i discepoli di Emmaus, scoraggiati e delusi, in preda allo scetticismo e alla sfiducia, il mondo d’oggi riconosce Cristo quando i cristiani veramente sanno «spezzare il pane». L’Eucaristia ha una portata profondamente sociale. Condividere il pane eucaristico è un richiamo preciso a condividere l’altro pane, in un impegno di giustizia, di solidarietà, di difesa di coloro a cui il pane viene rubato dalle ingiustizie degli uomini e dei sistemi sociali sbagliati. La divisione del pane eucaristico ci invita, per coerenza, a una più equa distribuzione dei beni, lottando contro ogni sperequazione economica, perché non manchi a nessuno il «pane quotidiano». E anche ai nostri giorni sentiamo forte il desiderio di farci carico di chi è nel disagio e nel bisogno, oltre che per problematiche solite, anche per le situazioni venutesi a creare a causa della pandemia.

 

 

#chiciseparera